OCCUPY CASERMA SANI

Oggi ha avuto luogo la manifestazione Occupy Caserma Sani, una manifestazione partecipata e arrabbiata, che partendo da piazza dell’Unità ha raggiunto la Caserma di via Ferrarese. In questa giornata abbiamo visto le ingestibili contraddizioni che queste istituzioni hanno creato. Dopo anni di inutilizzo, di spoliazione dei beni, di presenza di situazioni di illegalità, oggi le forze dell’ordine hanno impedito che il corteo entrasse dentro la Caserma, utilizzando un ingente dispiegamento di personale sia dentro l’area sia di fronte alle entrate.

Istituzioni e forze dell’ordine impegnate quindi a difendere il degrado, lo sfitto, e i futuri (che al momento non sussistono) padroni di questo pezzo di città, che realizzeranno altro cemento, altre case invendute. Mentre l’area resterà vuota, denaro pubblico è stato speso per impedire che venisse realizzata una giornata di lotta, e per murare le finestre e le porte degli stabili, e i buchi che fanno assomigliare il muro che circonda la caserma ad un colabrodo. Assurdo perché la “valorizzazione” delle aree demaniali, comunali e regionali, è portato avanti proprio per coprire il debito pubblico. Ma sappiamo che neanche i futuri progetti di alienazione (la Società di Gestione del Risparmio istituita per mettere sul mercato questi beni), dietro cui il comune di Bologna si è nascosto per negarci la possibilità di riutilizzo degli stabili, andranno a fine.

Dall’altra parte, occupanti di casa, sfrattati, studenti, precari, attivisti di centri sociali e di organizzazioni hanno portato in quartiere un’idea diversa di diritto alla città. Una città che dia risposta ai bisogni delle persone che rimangono schiacciate dalla crisi. ( cit. http://emiliaromagna.usb.it/index.php?id=85&tx_ttnews%5Btt_news%5D=59594&cHash=930dd676d5&MP=73-154)

 

IMG_9147 IMG_9152 IMG_9164 IMG_9169 IMG_9172 IMG_9179 IMG_9208 IMG_9223 IMG_9249 IMG_9256 IMG_9273 IMG_9284 IMG_9293 IMG_9297 IMG_9300 IMG_9309 IMG_9311 IMG_9316 IMG_9329 IMG_9343 IMG_9345 IMG_9348

 

 

__________________________________________________________________

Queste immagini sono protette da copyright © Simona Hassan.

Tutti i diritti sono riservati.

 

 

  (1420)

Commenti